Intervista a Tosca D’Aquino, “cattiva” nella miniserie “L’isola dei segreti” (Canale 5) – Telebolero 19/2009

LA DONNA DEL MISTERO
Tosca D’Aquino ci parla del suo recente ruolo da ‘cattiva’ nella miniserie ad alto tasso di suspense “L’isola dei segreti”, che dal 12 maggio catturerà il pubblico di Canale 5 trascinandolo in una fitta spirale di delitti ed eventi inspiegabili


A metà strada fra giallo e fantasy, “L’isola dei segreti”, la miniserie in quattro puntate firmata da Ricky Tognazzi che andrà in onda su Canale 5 a partire dal 12 maggio, promette di tenere lo spettatore con il fiato sospeso fino alla sua ultima scena. Per far questo, oltre che su un cast d’eccezione – che, accanto ai due protagonisti Romina Mondello e Adriano Giannini annovera numerose delle più brillanti stelle del nostro spettacolo – la nuova fiction di Mediaset punta su un inedito mix di investigazioni poliziesche, tradizioni popolari e inquietanti superstizioni.

Abbiamo chiesto a Tosca D’Aquino, che nella serie interpreta la misteriosa Ginevra, che rapporto abbia nella vita di tutti i giorni con l’idea del “sovrannaturale”.

“Premetto che sono credente e praticante e chi si schiera dalla parte della Fede, in genere, si pone meno domande di chi, invece, è costantemente alla ricerca di risposte scientifiche. Semplicemente, io molte spiegazioni non le cerco neppure… Detto questo, mi ritengo una persona molto concreta e credo di avere un rapporto molto sano con l’idea del sovrannaturale e del paranormale in generale. Sono un po’ scaramantica, certo, da buona napoletana… ma per quanto mi riguarda, certi temi lasciano il tempo che trovano”.

Quindi niente sedute spiritiche per te?

“Proprio no! Credo che in una situazione del genere potrei ridere dall’inizio alla fine… Non sono mai stata attratta dal paranormale. Ciò non toglie, però, che introdurlo in una fiction sia stato un’ottima idea. Dal punto di vista attoriale, infatti, è stata un’avventura stimolante e credo che scegliendomi per il ruolo di Ginevra – un personaggio molto ambiguo, una ‘cattiva’ che avrà anche un ruolo determinante nella storia – Simona Izzo e Ricky Tognazzi (che firmano insieme la sceneggiatura della serie, ndr) siano stati molto lungimiranti. In genere, infatti, vengo chiamata soprattutto per ruoli brillanti, per personaggi solari… Ma dove sta scritto che un serial killer non può avere la faccia da bravo ragazzo?”.

Parlaci di questo tuo misterioso personaggio…

“Quello di Ginevra è un ruolo bellissimo: è una donna passionale, innamorata di un uomo che non può sposare e con il quale condivide un grosso segreto. Il loro è uno di quegli amori strani, torbidi, impossibili… Ma per comprendere Ginevra bisogna anche considerare di chi è figlia, perché sua madre – interpretata magistralmente da Giuliana Loiodice – è un altro personaggio affascinante che a sua volta sguazza in un intrico di misteri… Si dice che le colpe dei genitori ricadano sui figli e in questo caso è proprio così! Fra l’altro, Ginevra tenterà anche di spezzare la catena di segreti che la soffoca, perché lei non è cattiva in senso classico, è una cattiva ‘positiva’, che ama la vita…”.

Potremmo definirla una “cattiva suo malgrado”?

“In realtà no, perché le persone possono sempre scegliere come comportarsi, c’è il ‘libero arbitrio’. E come lei stessa ammetterà nella scena finale, anche Ginevra ha scelto liberamente di fare tutto ciò che ha fatto e di comportarsi come si è comportata”.

Il cast di questa fiction è vastissimo e, soprattutto, oltre ai due protagonisti, anche gli altri numerosi personaggi sono interpretati da attori molto noti e apprezzati… Cosa ne pensi?

“Credo sia stata un’idea geniale. Non dimentichiamoci che questa serie appartiene a un genere di mystery piuttosto innovativo per il panorama italiano, tratta temi molto particolari… perciò, puntare su un cast interamente composto da ottimi attori credo sia stato come fare un’assicurazione sull’esito del progetto”.

Come ti sei trovata con loro?

“Ho girato principalmente con Giuliana Loiodice, con la quale è nata una vera amicizia, con Enrico Lo Verso, che nella fiction fa il mio amante ed è strepitoso, con Romina Mondello e Adriano Giannini e con Manlio Dovì, che ha la parte di mio fratello. Con tutti loro mi sono trovata molto bene. E poi, lavorare con Ricky e Simona è stupendo: sono una continua fucina di idee! Insomma, è stato un lavoro pesante e difficile – anche perché abbiamo girato tutta l’estate, da maggio ad agosto, e a volte faceva un caldo davvero insopportabile – ma ugualmente entusiasmante”.

Fin da giovanissima hai spaziato fra teatro, cinema e tv: oggi cosa preferisci fare? C’è un ambito che ti interessa più degli altri?

“Ho sempre voluto fare tutto – fin dall’inizio della mia carriera, fin da quando frequentavo l’Accademia d’Arte Drammatica – e oggi è ancora così: mi piace tutto e voglio continuare a fare tutto. Teatro, cinema e tv rappresentano esperienze molto diverse fra loro e ognuna mi dà qualcosa a cui non voglio rinunciare”.

In base a quali criteri scegli a quali progetti partecipare?

“Prima di tutto mi devono piacere, ma contano molto anche le mie esigenze famigliari. Ho due figli ancora piccoli e l’idea di costruirmi una famiglia è stata sempre molto importante per me. Se non fosse stato così, forse avrei fatto una carriera diversa… Credo tuttavia di aver vinto la sfida più importante per una donna: riuscire ad avere grandi soddisfazioni lavorative pur essendo moglie e mamma. Perciò, oggi in genere rifiuto i progetti che mi porterebbero troppo a lungo lontano da casa.”

Stai lavorando anche in questi giorni?

“Sì, ora sono sul set di una nuova divertentissima serie in sei puntate con Claudio Amendola che andrà in onda su Canale 5: mi impegnerà tutta l’estate e anche oltre, fino a ottobre. All’inizio di aprile, invece, ho finito di girare la fiction ‘Le segretarie’, prodotta da Edwige Fenech per Rai Uno con un cast tutto al femminile”.

Completa questa frase: “guardate ‘L’isola dei segreti’ perché…”

“… perché è qualcosa di veramente nuovo, un giallo interessantissimo che vi terrà incollati alla poltrona fino all’ultima battuta!”. ★

Lascia un commento