Intervista a Elda Alvigini de “I Cesaroni” – Fiction Tv (Canale 5) – Telebolero 6/2009

FACCIO L’ATTRICE… E NON PER CASO!


“Non ti posso svelare troppo!”.

A pochi giorni dalla messa in onda prima puntata della terza stagione de “I Cesaroni”, la preside Stefania Masetti – al secolo Elda Alvigini, l’attrice che fin dalla prima puntata di questa fortunatissima serie interpreta la preside nonché amica del cuore di Lucia Liguori Cesaroni (Elena Sofia Ricci) – sembrava decisa a non rovinarci la sorpresa, ma insistendo un po’ siamo comunque riusciti a “estorcerle” qualche succosa anticipazione…

“Posso garantirvi che la ritroverete ‘tosta’ come l’avete conosciuta: la Masetti conserva anche quest’anno il suo caratterino… Ovviamente, affronterà avventure tutte nuove e situazioni particolari, alcune delle quali davvero inaspettate… Andrà anche incontro a delle ‘crisi’: sul lavoro, nel suo rapporto d’amore, nell’amicizia… Crisi d’ogni genere, insomma!”.
Avrà problemi a scuola?
“Diciamo che avrà una ‘crisi d’identità’ e che accarezzerà l’idea di cambiare mestiere. In pratica, si convincerà di possedere una vena creativa e penserà di smettere di insegnare per coltivarla… Ma non farmi dire di più!”.
D’accordo, limitiamoci alle allusioni, allora: per esempio, alludiamo a Ezio, il marito di Stefania…
“Dapprima Stefania farà tutto di nascosto, ma quando scoprirà i suoi progetti il marito sarà contentissimo: la sosterrà e alla fine… la salverà anche!”.
La dinamica del loro rapporto sarà la stessa del passato? Stefania non è un po’ stufa di fare da “mamma” al marito?
“Eccome se lo è! Infatti a un certo punto si distrarrà… Anzi, a dire il vero, si distrarranno tutti e due per un momento dal loro matrimonio!”.
Come vivi nella serie il ruolo di madre? Nella realtà saresti troppo giovane per essere la mamma di Fremont…
“In effetti… avrei dovuto averlo molto presto, appena adolescente! A qualcuno capita… Comunque, mi trovo benissimo in quel ruolo: sono una ‘madre mancata’, non ho avuto figli nella vita, però quando recito accanto a Ludovico mi sento proprio sua mamma, mi identifico molto nella parte…. Poi la sera andiamo a ballare insieme, ma a quel punto non sono più ‘la Masetti’!”.
E com’è Fremont sulla pista, è ancora un ottimo ballerino? Ha conservato l’impronta di “Ballando con le stelle?”
“Veramente, lui ballava molto bene anche prima: è anche figlio di una ballerina professionista. E pensa che sono stata proprio io a convincerlo a partecipare a ‘Ballando’: non voleva farlo, ma l’ho praticamente ‘costretto’!”.
Mi dai una definizione per ognuno degli attori con cui ti confronti di più ne “I Cesaroni”? Cominciamo proprio da Fremont…
“Ludovico è… ipervitale!”.
Elena Sofia Ricci?
“Frizzante”.
Max Tortora?
“Semplicemente geniale…”.
Un grande cast, quindi…
“Sono la persona più fortunata del mondo: non credo esista un altro cast come il nostro. Sono persone straordinarie”.
Hai sempre voluto fare l’attrice?
“Mi piacerebbe molto poter raccontare di essere stata scoperta in un bar per caso, mentre servivo ai tavoli come cameriera… ma la verità è che ho sgobbato tantissimo per poter fare l’attrice, a cominciare dai concorsi per essere accettata al Centro Sperimentale di Cinematografia… e mi sono anche laureata in Storia e critica del cinema, ho fatto seminari internazionali… Insomma, ce l’ho messa proprio tutta!”.
Con “I Cesaroni” hai fatto “il botto”, ma quale delle tue passate esperienze ti rende più orgogliosa?
“Sono contenta, innanzi tutto, di non aver fatto nulla di cui oggi debba vergognarmi”, ci ha detto ridendo, “ma sono anche molto legata a ‘La verità vi prego sull’amore’ (film del 2001 diretto da Francesco Apolloni, ndr), che è stato il mio primo ruolo ‘grosso’…”
Recitavi con uno degli attori italiani ora più quotati, Pierfrancesco Favino…
“Sì, come anche in ‘Emma sono io’  (fil del 2002 di Francesco Falaschi, ndr)…”.
Te lo sentivi che sarebbe diventato così famoso?
“Gliel’ho sempre augurato, è un grande attore. Per la verità, ai tempi lo dicevano di tutti e due: dicevano che eravamo la ‘nuova coppia emergente’ del cinema italiano… Lui, in effetti, è decollato…”.
Oltre a “I Cesaroni 4”, che progetti hai per il futuro?
“Ho diverse cose in ballo, ma alcune di difficile realizzazione: per esempio, ho avuto proposte per dei film da registi non molto conosciuti… Non so dirti quindi se andranno in porto. Nei prossimi dieci mesi di ‘vacanza’ da ‘I Cesaroni’, comunque, vorrei fare soprattutto teatro e cimentarmi in ruoli molto diversi da quello di Stefania Masetti”.
Sei una donna molto attraente: il tuo aspetto finora ti ha aiutato?
“In verità, non mi sono mai sentita bella. Anzi, uno dei motivi per cui faccio l’attrice è che pensavo di essere brutta! Da bambina guardavo i film con la Magnani e la Masina e mi dicevo: ‘vedi, loro non sono belle, però sono bravissime… farò anche io l’attrice!”.
Avevi davvero una scarsa autostima…
“Non me lo ricordare: ci sto ancora lavorando!” .  ★

Lascia un commento